Attentati a Ouaga e Rientro specializzandi pediatria

Burkina-Faso-attentato-terroristico-tra-le-vittime-un-bambino-italiano-di-9-anni-480x384

Il 16 gennaio scorso due attentati hanno colpito la capitale Ouagadougou: un gruppo di persone armate ha preso d’assalto l’hotel Splendid e il caffè-ristorante “Il Cappuccino”, posti frequentati prevalentemente da occidentali, causando 27 morti e 33 feriti. Gli attentati sono stati rivendicati da Aqim (al Qaeda Maghreb Islamico).

In seguito a questi drammatici avvenimenti ci siamo trovati davanti alla difficile decisione riguardo alla prosecuzione dei nostri progetti a Nanoro. All’esigenza di proseguire il sostegno alla Pediatria di Nanoro si affianca infatti quella di garantire la sicurezza dei giovani medici in formazione della Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università di Firenze che dal 2008 ad oggi si sono alternati continuativamente per periodi di 4 mesi.

Al momento attuale, dato il particolare momento storico internazionale e dati i suddetti tragici avvenimenti, la Scuola di specializzazione e la nostra associazione ha deciso di ritirare le ragazze che erano presenti a Nanoro e di sospendere per il momento l’invio dei medici in formazione. Questo non significa che il Progetto Pediatria venga sospeso, è nostra ferma intenzione proseguire con il nostro impegno tramite l’invio di materiale e risorse necessarie e tramite prossime missioni di supervisione di pediatri specialisti.

Nel frattempo la Pediatria di Nanoro prosegue il suo lavoro grazie alla instancabile caposala Suor Blanche e grazie alla presenza dei medici burkinabè della medicina dell’adulto che, per decisione del medico capo del distretto di Nanoro, negli ultimi mesi hanno lavorato quotidianamente in pediatria.